Iscriviti alla newsletter: scopri tutte le storie di Undici!



Condividi su Facebook Condividi su Twitter Invia una e-mail

Talento sprecato

Da wonderkid dal talento precoce al dimenticatoio di un'anonima squadra olandese: cosa sta succedendo ad Hachim Mastour.

Di Oscar Cini

La carriera di Hachim Mastour sembra, a soli 18 anni, essere già ascritta alla filiera di talenti mai sbocciati, degli amori promessi e mai mantenuti, dei wonderkid appassiti sotto il peso delle aspettative troppo grandi, troppo immediate. Scandagliando internet ti puoi imbattere in un numero indefinito di articoli sui “crack del futuro”, definizione che ha mietuto vittime a raffica. Mastour non è una di queste, o per lo meno, non lo è ancora – è un classe 1998 – ma la paura è che possa diventarlo a breve. La sua immagine sembra scomparsa dai radar di un certo calcio di livello, persa nella conformazione stellare di una realtà innocua come Zwolle, ai margini dei palcoscenici luminosi dell’Europa che conta.

Quando pensiamo a Mastour, non facciamo altro che rivedere l’ennesimo giovanissimo calciatore lanciato in orbita dai video caricati in fretta su Youtube, dalle compilation di trick e colpi a effetto. Mastour a 15 anni palleggia già con Neymar, ne replica le mosse senza averne ancora la capacità tecnica, viene sponsorizzato dai marchi più influenti in maniera massiccia. È conteso tra le under italiane e la Nazionale marocchina che, pur di non perdere l’opportunità di averl,o lo fa esordire il 12 giugno 2015, negli ultimi atti di una partita vinta per 1 a 0 contro la Libia. A 16 anni e 362 giorni, è già diventato il giocatore più giovane a vestire la maglia dei Leoni dell’Atlante. Un momento che è un unicum, l’odore del successo immediato che svanisce negli attimi di un volo intercontinentale.

Il video del debutto in rossonero lo ha caricato Dario Paolillo, il figlio di Gaetano, storico agente di Kaká

Mastour è “il precoce”, il giocatore per cui il Milan investe tra i 500 e i 900 mila euro pur di portarlo via alla Reggiana e ai cugini/rivali dell’Inter. Hachim è il fenomeno che calcia facilmente punizioni da 30 metri, che viene convocato di fretta da Seedorf e portato in pianta stabile in prima squadra da Inzaghi e Brocchi, ma senza mai debuttare. Quando arriva a Malaga, in prestito biennale per cercare di crescere in un calcio meno difensivo, dove gli spazi sono più larghi e attaccabili, Mastour si dice immediatamente “entusiasta”. Sei mesi dopo è fermo ai 5 minuti del debutto contro il Betis, entrato in campo al posto del connazionale Adnane Tighadouini. Non solo Mastour non è mai rientrato nei piani Javi Garcia, ma è stato velocemente bollato come delusione: il raccomandato di Al-Thani. Doveva rimanere due anni, è andato via dopo il tempo di una Tostada.

Mastour è stato simbolo di quello che Martín Caparrós ha chiamato “calcio Nike“, un mondo in cui ancora una volta si associa idealmente Mastour a Neymar. Troppo giovani, tecnicamente capaci, di successo, con una carriera nata prima fuori che dentro al campo. Hachim continua a vivere di una fama posticcia che non è mai stata suffragata dal lavoro in campo. È così che diventa immediatamente bersaglio, incarnazione di «un calcio malato» che porta con sé la colpa di una sovraesposizione mediatica che è forse soltanto figlia del proprio tempo.

Per tentare di rilanciarsi, ricreare l’interesse degli altri intorno a lui e, forse, un po’ anche il suo di interesse nei confronti del calcio, ha accettato di andare ancora in prestito: questa volta al Pec Zwolle. Una squadra senza grosse ambizioni, un palmarès ridotto e una storia poco ingombrante, praticamente il terreno in cui rinascere. Invece, la stagione di Mastour fino a questo momento recita 5 presenze scarse, 150 minuti in campo, una sola volta dall’inizio nella sconfitta contro l’Heerenveen. Guardando i video di Hachim in Olanda si nota un calciatore depotenziato, come se il downgrade di aspettative personali e blasone del campionato in cui è finito a giocare, si stesse riversando sull’idea che Mastour ha di se stesso. I video ai tempi delle giovanili rossonere, quelle condivise con Di Molfetta, Locatelli o Hamadi, restituivano l’idea di un calciatore dallo strapotere intellettivo prima che fisico. Mastour non era soltanto la fasciatura muscolare superiore rispetto a quella dei pari età, era la capacità di prevedere il gioco, anticiparlo e piegarlo al proprio volere. Nel calcio dei grandi sembra aver perso la magia con cui poteva decidere a proprio piacimento ogni attimo di gioco; il fisico è ancora esile, e sono al momento introvabili momenti allo Zwolle in cui calci in porta o salti l’uomo.

Per Hachim è quasi impossibile riuscire a incidere in situazioni di gioco in cui si trova spesso a disputare il “garbage time” concessogli da Ron Jans. Spesso deve accontentarsi di entrare a gara già compromessa, con la richiesta di coprire la fascia aiutando la fase difensiva della squadra: un ruolo che non è capace di interpretare, una sceneggiatura scritta per l’attore sbagliato.

Mauro Bianchessi, responsabile dell’attività di base del settore giovanile e scouting del Milan, ha raccontato che «Mastour è il giocatore più forte che ho mai avuto. Ma se le qualità non sono supportate da spirito di sacrificio e rispetto delle regole, si rischia di fallire». Non più di un anno e mezzo fa Mastour veniva inserito in una lista di 10 crack che si sarebbero dovuti trasformare in “fenomeni”, nel giro di pochi anni: dentro ci sono, tra gli altri, Embolo , Tielemans, Leroy Sané e Gabigol. Oggi i nomi correlati all’attaccante del PEC Zwolle sono quelli di Ødegaard, Halilovic, Boufal, Taarabt. Di tutti, la caduta di Mastour è quella che fa più rumore: soprattutto, per la fragilità del castello di ambizioni che era stato costruito. Su un terreno immaginato, ancora prima che instabile.