Iscriviti alla newsletter: scopri tutte le storie di Undici!



Condividi su Facebook Condividi su Twitter Invia una e-mail

Le rimonte negli spareggi mondiali

Di Redazione Undici

La sconfitta per 1-0 in Svezia è uno dei peggiori scenari in cui avrebbe potuto trovarsi l’Italia dopo il match di andata: questa sera, a Milano, gli azzurri devono ribaltare il punteggio per qualificarsi a Russia 2018. I precedenti non sono molto lusinghieri: con le regole attuali, negli spareggi europei, nessuna squadra è mai riuscita a qualificarsi ai Mondiali dopo aver perso il match di andata per 1-0. È successo all’Olanda nel 1985 (contro il Belgio, ritorno 2-1 per gli olandesi), alla Repubblica Ceca nel 2001 (contro il Belgio, che vinse 1-0 anche al ritorno), alla Bosnia nel 2009 (contro il Portogallo, poi ancora vincente per 1-0), alla Svezia nel 2013 (contro il Portogallo: memorabile il 3-2 al ritorno, con tripletta di Ronaldo e doppietta di Ibrahimovic).

Più in generale, dei 23 spareggi europei disputati dal 1997 a oggi, delle 16 squadre che hanno vinto il match di andata in 14 si sono poi qualificate per i Mondiali. Solamente in due occasioni si è registrata una rimonta nel match di ritorno. La prima volta ha visto protagonista la Slovenia, che in Sudafrica disputò il secondo Mondiale della sua storia dopo quello del 2002. Gli sloveni incrociarono nello spareggio la Russia, e all’andata a Mosca persero 2-1: Biljaletdinov, che all’epoca giocava nell’Everton, segnò due gol per i padroni di casa. Il gol della speranza per la Nazionale slovena fu firmato da Pecnik a quattro minuti dal termine: una rete fondamentale perché al ritorno alla Slovenia bastò vincere 1-0, con gol dell’ex Parma e Frosinone Dedic, per festeggiare la qualificazione a Sudafrica 2010.

Il gol di Dedic contro la Russia

Ancor più clamorosa fu la rimonta della Francia contro l’Ucraina negli spareggi di qualificazione al Mondiale del 2014. Dopo il match di andata, giocato a Kiev, i francesi erano praticamente fuori dai giochi avendo perso 2-0 (gol di Zozulja e Yarmolenko). Al ritorno, a Saint-Denis, la Nazionale di Deschamps riuscì nell’impresa: Sakho, Benzema e un’autorete di Husjev fissarono il punteggio sul 3-0, consentendo ai Bleus di partecipare alla rassegna brasiliana.

La rimonta francese contro l’Ucraina