Iscriviti alla newsletter: scopri tutte le storie di Undici!

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Invia una e-mail

Una coppia di pattinatori sta ispirando molte fanfiction erotiche

Tessa Virtue e Scott Moir hanno vinto l'oro nel pattinaggio di figura e sono diventati protagonisti di racconti amatoriali piuttosto spinti.

Di Redazione Undici

Tessa Virtue e Scott Moir sono due pattinatori di figura (o danzatori sul ghiaccio) canadesi, e sono tra i migliori in attività. Alle Olimpiadi di Pyeongchang hanno vinto il loro secondo oro olimpico, dopo quello conquistato nel 2010 a Vancouver. Insieme, possono vantare anche due argenti a Sochi, nel 2014. Sono una coppia nel lavoro, ma non una coppia nella vita reale. Anche se internet vorrebbe: sono stati apparentemente scelti come emblema di amore e/o sensualità da un sacco di utenti su Tumblr, Twitter e altri social network, e la cosa più strana, e in un certo senso divertente, è che hanno fatto nascere un’inaspettata quantità di fan-fiction erotica.

Un momento della loro prova bello e sensuale

Il New York Magazine ne ha raccolte un po’: c’è “Gold Medal Decision“, in cui dopo la gara Tessa e Scott sfogano le emozioni facendo sesso tutta la notte, interrotti soltanto dalla loro coach, Marie-France Dubreuil, che bussa alla loro camera d’albergo per comunicare che il Primo ministro si vuole congratulare. Come capita spesso nella fanfiction sono passaggi letterariamente un po’ così, diciamo (non traduciamo per non perdere, insomma, l’effetto originale):

Continuing to flick his tongue back and forth across it before doing the same to the other nipple. She was panting as she tugged on his hair.
“You’re….. going….. to.. make…. Me” she panted and he could not help but smile.
“make you what Tessa?” he whispered while sucking on her pulse point on her neck.

Ce n’è un’altra che si intitola “and i don’t know how i can do without (i just need you now)“, il cui sommario recita “Tessa goes into heat right before their individual free skate in Pyeongchang”. Si inizia con il piede sull’acceleratore:

Scott hasn’t ever seen Tessa this fidgety before a performance.
“You okay?” he asks as he pulls her into their usual embrace to synchronize their breathing. But instantly something is different, because she tenses beneath his touch when the entire point is to relax.
She buries her face in the alpha’s shoulder. “I think I’m going into heat.”
He pulls back to look at the omega, gaze snapping to hers. “But I thought you had your pheromone suppressants–”
“I ran out. And I thought my heat was supposed to come a couple of days from now anyway, but…” She bit her lip, eyes already dilating. “It didn’t.”

Poi inizia la gara, e le cose si mettono male:

Every time Tessa brushes against his crotch he hardens, and she actually gasps out loud when he gets closer than normal and perhaps intentionally briefly rubs his bulge against her ass.

Se invece vi appassionano anche i luoghi inconsueti, ce n’è una intitolata “Never Have I Ever (Been to the Mile High Club)“, in cui – si intuisce facilmente – l’ambientazione è un aereo.