Iscriviti alla newsletter: scopri tutte le storie di Undici!

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Invia una e-mail

Il Sunderland non vuole farsi trollare dai tifosi del Newcastle

Per questo è stata limitata la vendita dei biglietti per le ultime partite della stagione allo Stadium of Light, lo stadio di casa Black Cats.

Di Redazione Undici

A quattro partite dalla fine della Championship, la seconda divisione inglese, il Sunderland è penultimo in classifica con 33 punti, a meno sei dal Bolton quartultimo. I Black Cats sono scesi l’anno scorso dalla Premier League e, per evitare una seconda retrocessione consecutiva, dovranno ancora giocare due match in casa, sabato 21 aprile contro il Burton Albion e il 6 maggio contro il Wolverhampton capolista, e altrettanti in trasferta, questo weekend a Reading e il 27 aprile contro il Fulham al momento secondo.

Come scrive Sky Sports News, la società biancorossa teme un’incursione dei tifosi del Newcastle – la squadra rivale del Sunderland nel derby del nord-est d’Inghilterra, molto sentito da entrambe le parti – per festeggiare la probabile retrocessione durante le sfide contro Burton Albion e Wolverhampton. Per questo motivo è stata limitata la vendita dei biglietti per lo Stadium of Light e gli ultimi ticket si potranno comprare solo nelle casse dello stadio, in cui è possibile risalire ai precedenti acquisti e “confermare” quindi il tifo per il Sunderland.

Cos’è e cosa significa per i tifosi il Tyne-Wear derby

La decisione è stata presa anche perché esiste un precedente simile: nel 1987 circa 1000 sostenitori del Newcastle si recarono a Roker Park – l’ex stadio del Sunderland, demolito nel 1998 – per festeggiare la prima retrocessione dei rivali in terza divisione durante la partita contro il Gillingham.