Calcio

Cosa significano le stelle sulle maglie da calcio

Ricorrenze, numero di trofei vinti o semplice scopo decorativo: sono diversi i motivi che spingono i club ad associare al logo l'uso di una o più stelle.

Brazil's Gremio player Fred celebrates after scoring against Argentina's San Lorenzo during the Copa Libertadores 2016 at Arena do Gremio stadium in Porto Alegre, Brazil, on March 09, 2016. AFP PHOTO / Jefferson Bernardes / AFP / JEFFERSON BERNARDES (Photo credit should read JEFFERSON BERNARDES/AFP/Getty Images)

Mettere una stella sulle maglie da calcio è un'abitudine adottata da molte squadre. Possono ricordare i trofei vinti, ricorrenze storiche o più semplicemente avere una funzione decorativa, come nel caso, per esempio, del vecchio logo del Manchester City. Il primo criterio è adottato soprattutto in Italia, dove una stella corrisponde a 10 scudetti, e in Germania: in questo caso il parametro è leggermente diverso. Tre titoli equivalgono a una stella, cinque a due, dieci a tre e infine venti a quattro. Nella Mls americana, un club che conquista un totale di cinque campionati riceva la stella dorata, mentre il vincitore dell'ultima stagione viene premiato con una stella dorata con all'interno l'anno del trionfo. L'anno successivo la stella dorata diventa color argento fino a un massimo di quattro.

Il sito Paladar Negro ha rappresentato graficamente molti dei diversi significati delle stelle. Ad esempio diversi club hanno una stella per simboleggiare un traguardo straordinario, spesso la vittoria di una Champions League o, più in generale, una Coppa internazionale. È quanto accade per Olimpique Marsiglia, Aston Villa, Celtic e Aberdeen, quest'ultima con addirittura due stelle in ricordo della Coppa delle Coppe e della Supercoppa Uefa, vinte agli inizi degli anni Ottanta. Il Liga de Quito ne ha addirittura quattro: una per la Copa Libertadores, due per la Recopa Sudamericana e l'ultima per la Coppa Sudamericana.

est-ligasnuevo-1

Il Boca Juniors ha uno stemma con 52 stelle, somma di tutti i trofei vinti in ambito nazionale e internazionale, mentre il Peñarol ha scelto di accompagnare al logo 11 stelle, tante quanti i giocatori che scendono in campo con la casacca giallo-nera del club uruguaiano. Il Palmeiras ne ha invece 8, associate al mese di agosto, anno di fondazione. Gli ecuadoregni dell'Emelec portano 24 stelle sullo stemma, corrispondenti al numero delle province del Paese. Criterio ancora più curioso quello adoperato dall'Atletico Madrid: 7 stelle, come quelle che compongono la costellazione dell'Orsa Maggiore.

 

{