Calcio

Il difficile rapporto di Messi con il Chelsea

Barcelona's Argentinian forward Lionel Messi (L) reacts during the UEFA Champions League second leg semi-final football match Barcelona against Chelsea at the Cam Nou stadium in Barcelona on April 24, 2012. Ten-man Chelsea reached the Champions League final after drawing 2-2 with holders Barcelona in their semi-final final second leg clash here to progress 3-2 on aggregate. AFP PHOTO / JAVIER SORIANO (Photo credit should read JAVIER SORIANO/AFP/Getty Images)

Il sorteggio degli ottavi di Champions League ha regalato sfide di alto livello: quella tra Real Madrid e Paris Saint-Germain, per esempio, oppure lo scontro tra Chelsea e Barcellona. Un incrocio che ormai è diventata una classica d'Europa: sarà, infatti, la sesta volta che Blues e blaugrana si scontreranno in un turno a eliminazione diretta di Champions – soltanto Bayern e Real Madrid si sono affrontate più volte, otto. Per Leo Messi il Chelsea è la bestia nera: le otto volte che l'argentino ha affrontato gli inglesi non ha mai segnato, pur tirando complessivamente 29 volte. Anzi, ha vissuto qualche dispiacere: una sola vittoria, cinque pareggi e due sconfitte. Ci sono altre squadre a cui, in carriera, Messi non ha mai segnato, ma, rispetto al Chelsea, ha affrontato decisamente un numero minore di volte: Rubin Kazan (quattro partite), Inter (tre), Xerez, Benfica, Liverpool (due), Al-Sadd, Udinese, Girona, Murcia, Cadice e Gramenet (una). In questa Champions l'argentino ha già sfatato un tabù: far gol alla Juventus, a cui ha rifilato due delle tre reti segnate nella fase a gironi.

L'ultimo incrocio tra Chelsea e Barça: 2-2, Messi sbaglia un calcio di rigore, blaugrana eliminati

In tutto, sono dodici i precedenti in Champions tra Chelsea e Barcellona: quattro vittorie inglesi, cinque pareggi e tre sconfitte. L'ultima sfida è la semifinale del 2012: i Blues vinsero 1-0 all'andata, e al Camp Nou fu un monologo blaugrana, che si portarono avanti sul 2-0. A fine primo tempo, però, arrivo il gol di Ramires a rimettere in carreggiata la squadra di Di Matteo. A inizio ripresa, Messi sbagliò un calcio di rigore: l'assedio dei catalani fu lungo ma infruttuoso, e in pieno recupero Torres segnò il gol del 2-2. Nel 2009 ancora semifinale, stavolta favorevole al Barça, che si qualificò con un gol di Iniesta al 93' (1-1 dopo lo 0-0 in Spagna), partita ricordata per l'arbitraggio di Ovrebo che fu pesantemente contestato dai giocatori del Chelsea. Gli altri incontri a eliminazione diretta si sono disputati nel 2000 (quarti, avanti il Barça ai supplementari), 2005 (ottavi, qualificato il Chelsea) e 2006 (ottavi, passò il Barça).


{