Calcio

E se il Chelsea avesse l'attaccante in casa?

Michy Batshuayi ha giocato pochissimo, eppure ha già segnato dieci reti in stagione: Conte, ora, potrebbe tenerlo con sé.

Chelsea's Belgian striker Michy Batshuayi (2nd R) celebrates with teammates after he scores their second goal of the English FA Cup fourth round football match between Chelsea and Newcastle United at Stamford Bridge in London on January 28, 2018. / AFP PHOTO / Adrian DENNIS / RESTRICTED TO EDITORIAL USE. No use with unauthorized audio, video, data, fixture lists, club/league logos or 'live' services. Online in-match use limited to 75 images, no video emulation. No use in betting, games or single club/league/player publications. / (Photo credit should read ADRIAN DENNIS/AFP/Getty Images)

Nell'ultimo turno di Fa Cup il Chelsea ha battuto agevolmente per 3-0 il Newcastle: le reti dei Blues sono state segnate da Michy Batshuayi, autore di una doppietta, e Marcos Alonso. Due gol che permettono al belga di essere il terzo miglior marcatore della squadra tra tutte le competizioni, a meno due dai primatisti Hazard e Morata. Il tutto avendo giocato appena 1160 minuti, quasi la metà del numero nove titolare dei Blues, Alvaro Morata. Segno di come Batshuayi, nonostante non sia mai entrato nelle grazie di Conte (lo scorso anno il minutaggio fu bassissimo: solo 792' in campo), riesca comunque a essere sempre determinante in zona gol. E ora non è più così scontata la sua partenza in questa sessione di mercato: il suo nome è stato prima accostato alla Roma nell'ambito della trattativa per portare Dzeko ed Emerson Palmieri a Londra, poi al Borussia Dortmund come profilo per sostituire Aubameyang in caso di partenza all'Arsenal. Anche il Siviglia era fortemente interessato.

Il primo gol contro il Newcastle

Viste le numerose difficoltà per arrivare a un attaccante, forse Conte si sta convincendo nel dare maggior fiducia al belga. Il tecnico del Chelsea ha detto che sarebbe contento di avere Batshuayi fino a fine stagione, anche se gli permetterebbe di cambiare squadra in caso di arrivo di un altro giocatore lì davanti. «Non so se vuole restare o andare via in prestito. È una sua decisione, non mia», ha detto Conte. «Oggi Batshuayi è stato molto importante per la squadra, e segnare gli dà tanta fiducia. Il nostro attaccante deve lavorare per la squadra nel miglior modo possibile, e lui è migliorato moltissimo sotto questo punto di vista. Stiamo parlando di un giovane giocatore con un grande potenziale: ci ho lavorato per un anno e mezzo, ha ancora tanto da migliorare». Il tecnico del Chelsea è poi tornato brevemente sul mercato, e sulle trattative per rinforzare il reparto offensivo: «Non so cosa succederà, ma, se devi giocare in Champions e Fa Cup, tre attaccanti sono il minimo. Stiamo trattando un altro giocatore, ma non so se riusciremo a prenderlo».

Batshuayi ha giocato appena quattro volte da titolare tra campionato e Champions, eppure ha realizzato anche gol importanti: su tutti, quello a tempo scaduto in casa dell'Atlético Madrid, che ha regalato la vittoria al Chelsea. In Champions aveva già segnato nel largo successo casalingo contro il Qarabag, mentre in Premier le sue due reti sono arrivate entrambe contro il Watford. Prima della doppietta al Newcastle, il belga aveva già segnato in Fa Cup contro il Norwich, mentre in Efl Cup, competizione dove il Chelsea è stato eliminato dall'Arsenal pochi giorni fa, l'ex Marsiglia aveva messo a segno una tripletta contro il Nottingham Forest.


{