Calcio Internazionale

Il Twente ha fondato una colonia spagnola in Eredivisie

Il club olandese ha 5 giocatori iberici in rosa, più l'allenatore García.

Ai tempi del calcio multiculturale e senza barriere, una squadra piena di stranieri non rappresenta un caso raro o estremo, anzi è la normalità. A volte, però, alcune società riescono ad andare oltre, a fare notizia per una particolare politica di reclutamento. Ad esempio, il Twente, club neopromosso in Eredivisie dopo la retrocessione del 2018 e un anno passato in seconda divisione. Per rilanciare il progetto, la proprietà del club ha deciso di puntare su giocatori spagnoli: nel corso dell'ultimo anno sono arrivati ad Enschede, città di confine con la Germania, l'esterno offensivo Aitor Cantalapiedra, il trequartista Javier Espinosa, il difensore Julio Pleguezuelo, il terzino José Matos e il centrocampista Oriol Busquets, appena arrivato in prestito dal Barcellona.

Anche l'allenatore Gonzalo García è spagnolo, anzi per la precisione è nato in Uruguay, a Montevideo, ma ha passaporto spagnolo. García è un ex centrocampista cresciuto nel vivaio del Real Madrid, ha anche collezionato alcune presenze con la Nazionale spagnola Under 17; tra i suoi compagni di squadra in quella Rojita, c'erano Andrés Iniesta, José Antonio Reyes e Fernando Torres. García ha firmato come allenatore in prima all'inizio di questa stagione, nell'ultima stagione è stato il vice di Marino Pušić, tecnico bosniaco passato sulla panchina dell'AZ Alkmaar dopo la promozione con il Twente.

Questa piccola colonia iberica ha iniziato bene la Eredivisie: una vittoria e 3 pareggi dall'inizio del campionato, da segnalare l'1-1 interno contro il Psv. La scelta di guardare alla Spagna, in realtà, è ancora più specifica. Il nuovo Twente, infatti, ha un legame evidente, molto stretto, con il Barcellona e il suo settore giovanile: come racconta il quotidiano Marca, 4 dei 5 calciatori spagnoli del Twente sono stati allevati alla Masia, si tratta di Cantalapiedra, Espinosa, Pleguezuelo e ovviamente Busquets, il più riconoscibile tra tutti. Oriol Busquets è un centrocampista difensivo, proprio come il suo omonimo Sergi, con cui non ha legami di parentela; ha anche giocato nella prima squadra blaugrana, in occasione del match di Copa del Rey contro il Murcia, nella scorsa stagione. È l'unico ad aver esordito col Barça, ad essere andato oltre la squadra filiale, ora proverà a imporsi in Olanda per dimostrare di essere pronto al lancio definitivo con la casa madre.

{

Per migliorare la tua esperienza utilizziamo cookie tecnici, statistici e di profilazione, anche di terze parti, per fornire un accesso sicuro al sito, analizzare il traffico sul nostro sito, valutare l’impatto delle campagne e fornire contenuti e annunci pubblicitari personalizzati in base ai tuoi interessi. Chiudendo il banner acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni. Cookie policy