Calcio Internazionale

Il Manchester City ha rischiato di perdere Guardiola perché non riusciva a trovare una casa adatta a lui

I problemi del trasloco in Inghilterra raccontati nel libro Pep’s City: The Making of a Superteam.

Guardiola è alla quarta stagione come manager del Manchester City. Ha vissuto un ciclo della stessa durata a Barcellona, è evidente che la simbiosi con il club inglese sia profonda, che Pep si trovi bene in Inghilterra. Solo che il primo contratto tra il tecnico catalano e il City ha rischiato di essere annullato per via di un problema logistico. Anzi, immobiliare. Nel libro in uscita oggi Pep’s City: The Making of a Superteam scritto dai giornalisti spagnoli Pol Ballus e Lu Martin, c'è il racconto di come il Manchester City abbia fatto fatica a trovare un'abitazione che rispettasse le esigenze di Guardiola e della sua famiglia.

L'annuncio del passaggio di Guardiola al City era stato annunciato all'inizio del 2016, così il club inglese aveva inviato un suo emissario a Monaco di Baviera (Pep era ancora sotto contratto con il Bayern) per facilitare il trasferimento a Manchester. In alcuni passaggi del libro, riportati dal Telegraph, si legge: «Quintana e Pep si sono incontrati in un ristorante vietnamita per parlare della nuova abitazione della famiglia Guardiola nel Regno Unito. Durante i loro tre anni in Germania, avevano vissuto in un ampio palazzo sulla Sophienstrasse, e Pep aveva richiesto una sistemazione di livello simile a Manchester, però nel centro della città. Una richiesta impossibile da soddisfare, perché questo tipo di soluzione immobiliare, a Manchester, non esiste».

A quel punto, raccontano Ballus e Martin nel libro, il direttore sportivo del Manchester City, Txixi Begiristain, aveva davvero paura che l'accordo potesse saltare. Al punto di spingere Quintana a fare una promessa piuttosto impegnativa a Guardiola: «Se dobbiamo, costruiremo una casa che rispetti le tue esigenze». Alla fine, però, tutto è andato bene: Guardiola si è trasferito in un lussuoso complesso di appartamenti a Salford, chiamato City Suites. E ancora oggi vive lì.

{