Calcio Internazionale

Thomas Lemar è uno dei più grandi fallimenti nella storia del calciomercato

L'Atlético Madrid l'ha pagato 70 milioni, ma il suo rendimento è davvero deludente.

Non è una stagione facile per l'Atlético Madrid. La squadra di Simeone, molto rinnovata in estate sul calciomercato – a cominciare dal costoso avvicendamento tra Griezmann e João Felix nel ruolo di uomo-franchigia –, è sesta nella Liga, ha vinto solo 13 delle 31 partite giocate in competizioni ufficiali, nell'ultimo turno di Liga ha perso il derby contro il Real e in Copa del Rey è stata eliminata dal Cultural Leonesa, un club di terza divisione. C'è ancora la Champions, ma l'accoppiamento degli ottavi (i Colchoneros affronteranno il Liverpool) sembra davvero proibitivo. I risultati negativi sono ovviamente da addebitare a tutti i componenti della rosa e dello staff tecnico, ma allo stesso tempo c'è qualche elemento che sta deludendo più di altri. È il caso di Thomas Lemar, l'esterno francese arrivato nell'estate dal 2018 per 70 milioni di euro. L'ex del Monaco, proprio in virtù della cifra investita su di lui, ha offerto un rendimento davvero deludente: 987 minuti in questa stagione (distribuiti in 22 partite, 16 di Liga e sei di Champions), zero assist e zero gol.

Non che l'anno scorso sia andata molto meglio: tre gol e sei assist in 43 presenze di tutte le competizioni, ma soprattutto un impatto che si è percepito solo in alcuni frangenti, tra l'altro piuttosto brevi e isolati nel tempo, sul gioco dell'Atlético. Considerando le voci su una possibile cessione in prestito durante l'ultima sessione di trasferimenti, e il crollo della sua valutazione di mercato (secondo Transfermarkt il costo del cartellino di Lemar è passato da 70 milioni dell'estate 2018 agli attuali 30 milioni), non è eccessivo pensare e scrivere che il passaggio dal Monaco all'Atlético sia stato un pessimo affare. Anzi, si può dire che sia uno dei più fragorosi fallimenti nella storia del calciomercato – l'investimento a luglio 2018 resta il secondo più ingente nella storia dei Colchoneros dopo quello per João Felix.

A inizio gennaio, Simeone aveva espresso parole contraddittorie sull'avventura spagnola di Lemar: «Thomas è un giocatore importante, sono sempre stato entusiasta delle sue qualità- Però è evidente come non abbia potuto sviluppare il suo calcio, quindi non si è espresso al meglio. Ha giocato molto, ma non so se resterà ancora con noi». Siamo arrivati al termine della finestra di mercato, Lemar è rimasto all'Atlético e ha anche giocato (40 minuti da subentrato contro il Real Madrid). I Colchoneros hanno deciso comunque di rinforzare il subreparto degli esterni offensivi: dalla Cina è rientrato a Madrid Yannick Ferreira Carrasco e non ci sono state cessioni importanti. Un altro segnale evidente: l'Atlético non si fida di Lemar, che ha ancora 24 anni ma sembra già un giocatore che ha dato il meglio di sé.

{

Per migliorare la tua esperienza utilizziamo cookie tecnici, statistici e di profilazione, anche di terze parti, per fornire un accesso sicuro al sito, analizzare il traffico sul nostro sito, valutare l’impatto delle campagne e fornire contenuti e annunci pubblicitari personalizzati in base ai tuoi interessi. Chiudendo il banner acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni. Cookie policy