Calcio Internazionale

In Svezia, la preparazione precampionato va avanti da sei mesi

La pandemia ha fatto slittare l'inizio del campionato: i club sono fermi da novembre 2019, ad eccezione del Malmö.

In alcune nazioni, il lockdown non ha interrotto i campionati sportivi, piuttosto ha fatto slittare l'inizio della nuova stagione. È il caso dei tornei scandinavi, Svezia, Norvegia e Finlandia, che iniziano in primavera e quindi seguono un calendario diverso da quello delle altre leghe europee. L'edizione 2020 di questi campionati è stata rimandata a causa della pandemia, e quindi i club sono fermi praticamente da novembre 2019, da allora non giocano partite ufficiali, si allenano e affrontano dei test amichevoli, nient'altro. L'unica eccezione è rappresentata dal Malmö, che ha giocato i sedicesimi di Europa League a febbraio (doppia sconfitta contro il Wolfsburg). In un articolo della Bbc, alcuni calciatori della Allsvenskan, il massimo campionato, hanno raccontato come la preparazione precampionato stia durando «da oltre sei mesi». Tra gennaio e febbraio, infatti, i club si sono riuniti per allenarsi in vista della nuova stagione, che in teoria sarebbe dovuta iniziare il 4 aprile. La pandemia ha cambiato le carte in tavola, e ora le partite inizieranno il 14 giugno.

Andrew Mills, portiere inglese dell'Ostersunds, ha raccontato che «il nostro ritiro precampionato è stato lunghissimo, rispetto ai periodi di preparazione in Inghilterra è durato quattro o cinque volte di più». Nell'Ostersunds gioca anche un altro giocatore britannico, Blair Turgott, che ha sottolineato quanto la situazione sia stata frustrante per gli atleti: «Il ritiro precampionato è la fase più noiosa nella vita di un calciatore, chi dice di essere felice di allenarsi sempre, senza giocare, è un bugiardo. In Svezia, poi, neanche l'ambiente aiuta: per molti giorni, non abbiamo fatto altro che andare al campo per le sedute quotidiane, tornare a casa, mangiare e dormire». Fredrik Ulvestad, centrocampista del Djungarden campione in carica, ha spiegato che «per un giocatore è davvero deprimente allenarsi senza un obiettivo temporale, senza sapere quando potrai scendere in campo».

La Svezia ha affrontato la pandemia in maniera diversa rispetto agli altri Paesi europei, ha preferito non chiudere tutte le attività produttive, ma ha comunque proibito assembramenti oltre le cinquanta persone. Ora il calcio potrà ripartire, ovviamente le partite si disputeranno a porte chiuse, ma almeno finirà questo lungo periodo di sospensione. L'Allsvenskan mette di fronte sedici squadre per un totale di trenta partite tra andata e ritorno; la squadra più vincente è il Malmö, che ha conquistato 20 titoli, l'ultimo nel 2017. Nell'edizione 2019, il Djungarden si è laureato campione al termine di una volata che ha coinvolto quattro squadre fino all'ultimo turno: il Malmö e l'Hammarby si sono piazzate seconde a un punto dalla vetta, l'AIK è arrivato quarto, con soli quattro punti di svantaggio dal Djungarden.

{

Per migliorare la tua esperienza utilizziamo cookie tecnici, statistici e di profilazione, anche di terze parti, per fornire un accesso sicuro al sito, analizzare il traffico sul nostro sito, valutare l’impatto delle campagne e fornire contenuti e annunci pubblicitari personalizzati in base ai tuoi interessi. Chiudendo il banner acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni. Cookie policy