Iscriviti alla newsletter: scopri tutte le storie di Undici!

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Invia una e-mail

Ralenti

La crescente rivalità tra Liverpool e Manchester City, il calcio in Kosovo, l'imminente sbarco in Nba di Luka Doncic e un rally tutto al femminile.

Di Redazione Undici

È stata una settimana di rimonte, riuscite (Roma, Salisburgo) e mancate (Juventus, Manchester City); una settimana di lacrime (il ciclista morto durante la Parigi-Roubaix, la squadra giovanile di hockey in Canada); una settimana anche di cose che cominciano (sono iniziati i playoff di Nhl e sabato scatteranno anche quelli di Nba). Nel weekend poi torna la Serie A, con quattro scontri diretti tra le prime nove in classifica: Atalanta-Inter, Milan-Napoli, Juventus-Sampdoria e il derby della Capitale. Intanto ecco qualche lettura sportiva per questi giorni, oltre ai soliti articoli consigliati da Studio. Buona lettura.

Sport e altre cose culturali

Why Manchester City and Liverpool can be English football’s next great rivalryIndependent
Finora c’è sempre stato grande rispetto al grido di “i nemici dei miei nemici sono miei amici”, ma Liverpool-Manchester City, dopo i quarti di finale di questa Champions League, potrebbe diventare la prossima grande rivalità del calcio inglese.

¿Qué deja Torres en el Atlético? Anécdotas y recuerdos que guardan de Fernando los mitos del club Marca
Il legame che unisce Fernando Torres e l’Atletico Madrid raccontato da ex allenatori e compagni di squadra dell’attaccante spagnolo.

Why don’t most Major League Soccer franchises play their academy starlets?These Football Times
Perché, in un campionato senza retrocessioni come la Mls, i club stentano a lanciare giovani statunitensi?

Twenty years on from Kosovo’s darkest hour, football is offering a bright new futureIndependent
Vent’anni fa, durante la guerra, in Kosovo anche il calcio significava odio e morte. Adesso il futuro, per lo sport e per il Paese, è luminoso.

A Town That Lives for Hockey Is Devastated by Humboldt Broncos’ DeathsNew York Times
La cittadina di Humboldt, in Canada, viveva per l’hockey. Le conseguenze della morte di 16 membri dei Broncos in un incidente, la settimana scorsa, hanno sconvolto gli equilibri.

Luka Doncic Is No Darko MilicicEspn
Un longform che spiega perché l’approdo di Luka Doncic in Nba cambierà il modo di vedere i giocatori europei in America.

How far can Becky Hammon go in the Nba? New Yorker
Becky Hammon è passata dall’essere una star del basket femminile al lavoro come allenatrice capo in Nba. Qui il New Yorker si interroga sulle sue possibilità di carriera futura.

‘No phones, no GPS, no men’: The all-female off-road rally like no otherGuardian
Ogni anno, per una settimana, in Marocco si disputa un rally eco-friendly a cui possono partecipare solo donne.

Dirk Demol: winning Roubaix can change your lifeRouleur
L’ex ciclista Dirk Demol racconta come vincere la Parigi-Roubaix del 1998 abbia cambiato il corso della sua carriera.

 

Cultura

The Most Important Exchange of the Zuckerberg HearingThe Atlantic
L’Atlantic ha riassunto i punti salienti dell’udienza di Mark Zuckerberg davanti Congresso americano, durata due giorni. Le risposte impacciate in difesa della raccolta dei dati hanno svelato alcune oscure pratiche di Facebook, tra cui l’utilizzo di informazioni riguardanti anche chi non è iscritto al social.

The Epic of DonatellaSSENSE
Un’intervista epica a Donatella Versace, che parla con molta franchezza della dipendenza dalla cocaina, della morte di Gianni e della “maschera” estetica che si è dovuta creare per difendersi.

Imagining a World After Anna New York Times
Negli ultimi giorni si è diffuso un dubbio che ha stordito tutti: è vero che Anna Wintour abbandonerà Vogue? Condè Nast ha smentito il gossip, ma resta comunque da chiedersi come sarebbe il mondo della moda senza l’editrice più temuta del settore. Non così male, ha detto Vanessa Friedman.

 

La foto della settimana

Una rimonta incredibile, letteralmente (Lluis Gene/Getty Images)

Il video della settimana

Al torneo Atp 250 di Marrakesh il numero 34 del mondo è stato battuto dal numero 617, che gioca soltanto ogni tanto e non sfoggia un fisico dei più atletici.