Iscriviti alla newsletter: scopri tutte le storie di Undici!

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Invia una e-mail

Claudio Pizarro è tornato per la quarta volta al Werder

«Mi sento a casa mia qui. Essere tornato è la scelta migliore per me».

Di Redazione Undici

Claudio Pizarro è nato a Callao, in Perù, nel 1978 e ha cominciato a giocare a calcio da professionista nel 1996, con il Deportivo Pesquero. Ad oggi fanno 22 anni di carriera passati per la maggior parte in Europa e soprattutto con indosso la maglia del Werder Brema. Con alcuni cambi di squadra per approdare al Bayern Monaco due volte (dal 2001 al 2007 il suo periodo più lungo con i bavaresi), al Chelsea e lo scorso anno al Colonia, Pizarro ha legato la propria immagine ai colori bianco-verdi del Werder. L’attaccante peruviano ha deciso di tornare nella squadra che lo ha reso grande in Europa, si tratta del quarto ritorno e con un contratto che scade nel 2019 è con tutta probabilità una scelta legata alla volontà di chiudere la carriera con la maglia della squadra con cui ha disputato più gare.

Pizarro ha giocato con il Werder 271 partite realizzando 143 reti in tutte le competizioni. Seppur la maggior parte dei trofei sono stati vinti con la maglia del Bayern di Monaco, il suo legame con i bianco-verdi rappresenta un sodalizio tra i più duraturi. Pizarro, che ad oggi è il più prolifico marcatore straniero della storia della Bundesliga, ha dichiarato: «Mi sento a casa mia qui. Essere tornato è la scelta migliore per me». Per il suo ritorno al Werder l’attaccante andino ha scelto la maglia numero quattro, proprio per celebrare il suo ennesimo ritorno in maglia Brema.

Il capocannoniere straniero in Bundesliga spera di poter prolungare il suo score. Pizarro ha segnato finora un totale di 192 reti nel campionato tedesco, mentre il secondo giocatore straniero a seguire è Robert Lewandowski, che di gol ne ha realizzati 180. Ma Pizarro è anche il quinto attaccante all time della storia della Bundes, oltre che il miglior marcatore di sempre del Werder. Tra il 1999 e il 2001 ha vestito la maglia numero 10, la 24 tra il 2008 e il 2012 e la 14 tra il 2015 e il 2017.