Condividi su Facebook Condividi su Twitter Invia una e-mail

Vinícius è il giocatore più decisivo del Real Madrid

Il brasiliano classe 2000 segna un gol o serve un assist ogni 58 minuti.

Di Redazione Undici

Vinícius Júnior si è preso il Bernabéu. In un momento difficile per il Real Madrid, l’aspetto positivo sono sicuramente le prestazioni del brasiliano classe 2000, acquistato la scorsa estate dal Flamengo per quasi 50 milioni. Poco impiegato da Lopetegui, sta trovando continuità con Solari. Dopo i primi mesi di rodaggio con il Real Madrid Castilla, la squadra B, ha esordito in Liga a fine settembre subentrando nel derby contro l’Atlético Madrid. Il 3 novembre arriva il suo primo gol in campionato, contro il Valladolid, sbloccando all’83’ il risultato di 0-0. In stagione ha già partecipato a nove gol dei Blancos: tre gol e sei assist. L’ultima rete, bellissima, l’ha segnata al volo mercoledì 9 gennaio in Coppa del Re contro il Leganés, dove è stato schierato titolare. È stata la quarta volta in cui il brasiliano è partito dall’inizio: era già successo nelle due sfide di Coppa contro il Melilla (dove Vinícius tra andata e ritorno aveva segnato un gol e servito tre assist) e nell’ultima sfida di campionato contro la Real Sociedad.

«Vinícius sta facendo grossi passi in avanti», ha detto Solari. «Ha sempre avuto un grande talento, ma metterlo in mostra al Bernabéu, circondato di grandi giocatori, sottolinea la sua sicurezza, l’allegria che trasmette. Ha 18 anni, è importante che continui così. Siamo molto contenti delle sue prestazioni, speriamo che cresca ancora a livello individuale e collettivo».


Cross di Odriozola e girata al volo di Vinícius per il 3-0 Real

Se in estate incuriosivano i suoi numeri e i suoi dribbling fulminanti, ora che sta trovando spazio con costanza Vinícius sorprende per la gran concretezza: in partite ufficiali, ogni 58 minuti il brasiliano fa un gol o regala un assist. È il migliore del Real in questa statistica, nettamente sopra a Bale (a cui servono 115 minuti), Benzema (127), Asensio (184) o Isco (211). Con una classifica da raddrizzare (il Madrid è quinto a -10 dal Barça capolista) e gli ottavi di Champions contro l’Ajax in vista, Santiago Solari ha trovato un’arma in più per provare a restare sulla panchina del Real.