Calcio

Il miracolo Islanda, sei mesi dopo

Dopo il grande Europeo con la Nazionale arrivata ai quarti di finale, che ne è stato delle carriere dei giocatori islandesi?

PARIS, FRANCE - JUNE 22: Aron Gunnarsson of Iceland applaud supporters after their team's 2-1 win in the UEFA EURO 2016 Group F match between Iceland and Austria at Stade de France on June 22, 2016 in Paris, France. (Photo by Shaun Botterill/Getty Images)

Gli Europei del 2016 verranno ricordati anche per la sorprendente Nazionale islandese, alla prima esperienza nella sua storia in una grande competizione. La rappresentativa del piccolo Paese nordico è arrivata sino ai quarti di finale, dopo aver chiuso al primo posto insieme all'Ungheria nello stesso girone dei campioni del Portogallo e dopo aver eliminato l'Inghilterra negli ottavi di finale. Per i giocatori islandesi, la maggior parte di loro ai margini del grande calcio, una grande occasione di mettersi in vetrina e attirare l'interesse di club con maggior appeal.

Nella lista dei 23 convocati per l'Europeo, appena quattro giocavano in uno dei top 5 campionati d'Europa: Gylfi Sigurðsson nello Swansea, Emil Hallfreðsson nell'Udinese, Kolbeinn Sigþórsson nel Nantes e Alfreð Finnbogason nell'Augsburg. La maggior parte degli islandesi era tesserata per squadre scandinave, svedesi e norvegesi soprattutto. Dopo l'Europeo, i cambi di maglia non sono stati pochi, ma generalmente senza un grande salto di qualità. L'unico che ha fatto un sensibile passo in avanti in carriera è stato Guðmundsson, che dalla seconda divisione inglese con il Charlton è passato al Burnley in Premier: è un'ala di 26 anni che in stagione ha segnato un gol contro il Crystal Palace.

L'Europeo dell'Islanda, in breve

Salto di qualità doveva essere anche per Kolbeinn Sigþórsson, che si era messo in luce all'Europeo con due reti (una all'Inghilterra, una alla Francia). Sigþórsson giocava al Nantes, in Ligue 1, senza un grande score per un attaccante (tre reti nella scorsa stagione). Il suo Europeo però ha convinto il Galatasaray a prelevarlo, ma in Turchia il nazionale islandese non ha mai trovato spazio, così di recente è tornato al Nantes. Meglio è andata a Traustason, passato dagli svedesi del Norrköping al Rapid Vienna, a Ragnar Sigurðsson, dal Krasnodar al Fulham, a Böðvarsson, dal Kaiserslautern al Wolverhampton (pur se in seconda serie), a Skúlason, dall'Odense al Lokeren.

I giocatori di maggior spicco, Birkir Bjarnason e Gylfi Sigurðsson, non hanno cambiato squadra, restando rispettivamente con Basilea e Swansea, così come Sævarsson è rimasto all'Hammarby, Arnason al Malmoe, Gunnarsson al Cardiff, Hauksson all'Aik Solna. Il portiere Halldórsson, protagonista di un grande torneo in Francia, è stato lasciato libero dagli olandesi del Nec, che l'anno scorso lo avevano prestato in Norvegia al Bodø/Glimt, e si è accasato in Danimarca al Randers.

 


{

Per migliorare la tua esperienza utilizziamo cookie tecnici, statistici e di profilazione, anche di terze parti, per fornire un accesso sicuro al sito, analizzare il traffico sul nostro sito, valutare l’impatto delle campagne e fornire contenuti e annunci pubblicitari personalizzati in base ai tuoi interessi. Chiudendo il banner acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni. Cookie policy