Calcio

La duecentesima partita senza subire gol di Simeone

Quella contro il Marsiglia è stata l'ennesima prova della solidità difensiva del Cholismo.

Atletico Madrid's Argentinian coach Diego Simeone celebrates with his daughter after the UEFA Europa League final football match between Olympique de Marseille and Club Atletico de Madrid at the Parc OL stadium in Decines-Charpieu, near Lyon on May 16, 2018. (Photo by FRANCK FIFE / AFP) (Photo credit should read FRANCK FIFE/AFP/Getty Images)

Diego Simeone ha un hobby, fare in modo che le squadre avversarie non segnino contro le proprie squadre. Nella sua trecentosettantasettesima partita sulla panchina dell'Atlético Madrid Simeone non ha soltanto vinto la sua seconda Europa League, ma ha anche ottenuto la duecentesima gara di sempre senza che la sua squadra subisse gol, il 53,1% delle partite disputate. Griezmann e compagni hanno vinto per 3 a 0 grazie a due reti del francese e una di Gabi e nonostante i 12 tiri concessi al Marsiglia hanno portato a casa l'ennesima rete inviolata. Il tutto per la felicità di Jan Oblak. Un'altra vittoria frutto del grande lavoro difensivo della squadra, che incrementa lo score del Cholo a livello manageriale. Sei trofei maggiori vinti – tra cui una Liga – e 233 vittorie nelle 377 partite giocate. A fine gara Griezmann ha dichiarato: «Si impara molto con Simeone. Credo che sia il miglior allenatore al mondo a livello tattico e difensivo, in questi anni lo ha dimostrato».

Lo stesso Simeone ha dichiarato in passato: «Io cerco sempre di spiegare che il calcio va oltre il saper giocare bene il pallone con i piedi: è trasmettere emozioni, far trasudare competizione e competitività. Avere talento è importante, a questo livello non ci sono cattivi giocatori, tutti sono molto bravi. Però ci sono quelli naturalmente dotati, e poi quelli che hanno la capacità prendere la giusta decisione».


{