Calcio

Perché nelle panchine da calcio ci sono sedili di auto da corsa

Tutto cominciò negli anni '90 a causa di un allenatore con problemi alla schiena.

YEKATERINBURG, RUSSIA - JUNE 15: Mohamed Salah of Egypt looks on from the bench during the natonal anthems prior to the 2018 FIFA World Cup Russia group A match between Egypt and Uruguay at Ekaterinburg Arena on June 15, 2018 in Yekaterinburg, Russia. (Photo by Matthias Hangst/Getty Images)

Jalopnik è un sito che fa parte dello stesso circuito di Deadspin e Gizmodo e si occupa prevalentemente di auto da corsa. Un suo contributor, David Tracy, ha deciso di indagare su come mai i calciatori presenti alla Coppa del mondo sedessero su dei sedili da gara, come dei novelli piloti di F1. Ciò che è venuto fuori è che tutto parte da uno dei più grandi produttori di sedili per auto, la tedesca Recaro. Sono loro, infatti, ad aver dato il via al trend durante gli anni '90.

Secondo Tilman Schaefer – un rappresentante della compagnia– tutto partirebbe dal proprietario dell'epoca Ulrich Putsch, facente parte del consiglio di amministrazione del Kaiserslautern. Fu Putsch a concedere all'allenatore Kalli Feldkamp un sedile di una macchina sportiva perché aveva dei problemi alla schiena. I giocatori poi, una volta vista la qualità e la comodità presero a chiedere una serie di sedili anche per loro. Ancora Schaefer sostiene che «altre squadre si sono mostrate così entusiaste che hanno cominciato a ordinare delle panchine alla Recaro, trasformandolo così in un oggetto di vendita nel corso degli anni. Da qui altri produttori di sedili, compresi quelli delle compagnie aeree, cominciarono a seguire la linea Recaro e fornire sedili ai team sponsorizzati».

Oggi secondo il marchio sono oltre 70 le squadre di calcio di alto livello – tra cui Borussia Dortmund, Real Madrid, Debrecen e Ferencváros – a utilizzare i sedili della compagnia. Nonostante non sia stato possibile conoscere la marca precisa di quelli utilizzati durante la Coppa del mondo, sappiamo che tutto cominciò nel 1994 a causa di un allenatore con problemi alla schiena.


{