Società

Il calcio e lo scolapasta: il libro di Billy Costacurta e Marco Cattaneo

È uscito il libro Zio Billy e i suoi amici: il calcio e lo scolapasta (ed. Salani), scritto da Alessandro Costacurta e da Marco Cattaneo, giornalista sportivo e telecronista di Sky Sport. Il racconto è incentrato sulla figura di Camillo, un bambino innamorato del calcio che è diventato un grande esperto del suo sport preferito dopo che un meteorite – a forma di pallone, ovviamente – è precipitato nel giardino di casa sua. Camillo snocciola aneddoti surreali e storie incredibili su Leo Messi, Willie Foulke e Arrigo Sacchi, ma a volte tende a esagerare. Sarà un mito del calcio italiano, Billy Costacurta, lo Zio Billy a rimettere in riga Camillo, e a svelare i retroscena più appassionanti della sua grande carriera. Un modo per raccontare storie bellissime e divertenti, ma anche per riconoscere e diffondere i valori più positivi del calcio e dello sport.

Zio Billy e i suoi amici: il calcio e lo scolapasta è stato presentato a Milano lo scorso 14 maggio. I due scrittori sono noti al grande pubblico: Marco Cattaneo non è solo un giornalista sportivo, ma anche un conduttore di programmi di calcio per bambini – su Disney Channel. Alessandro “Billy” Costacurta è uno dei più grandi difensori italiani di sempre, con il Milan ha vinto 7 Scudetti, 5 Coppe dei Campioni, 2 Coppe Intercontinentali e con la Nazionale è stato vicecampione del mondo a Usa 94. Dopo la fine della carriera da calciatore, è stato allenatore, commentatore tv e dirigente sportivo. È stato vicecommissario della Figc dal 1° febbraio 2018 al 22 ottobre 2018.

La vendita del libro ha anche finalità benefiche: Alessandro Costacurta devolverà la sua parte dei diritti che matureranno dalla vendita di questo libro alla Fondazione ABIO Italia Onlus, l'Associazione per il Bambino in Ospedale che dal 1978 è al fianco dei bambini, degli adolescenti e dei loro genitori in oltre 200 reparti di pediatria in tutta Italia. I 5000 volontari ABIO nel nostro Paese offrono formazione, sale gioco e rispetto dei diritti per i bambini e gli adolescenti ricoverati in ospedale.

{