Lifestyle

Il design retro delle terze maglie Nike: conversazione con Pete Hoppins

Sono già diventate un cult tra le maglie da calcio – il Senior Design Director di Nike Football ci ha raccontato la straordinaria novità della stagione.

Design accattivanti, dettagli eleganti, soluzioni estetiche sorprendenti. Sulle pagine di Undici lo abbiamo detto più volte: le maglie da calcio stanno vivendo una nuova età d'oro. Tra le migliori di questa stagione, ci sono sicuramente le terze maglie realizzate da Nike per le principali squadre sponsorizzate: Inter, Roma, Barcellona, Atlético Madrid, Tottenham, Chelsea e Psg. La particolarità in comune è che si tratta di divise ispirate all'estetica di fine anni Ottanta-inizio Novanta – sia attraverso il recupero di elementi grafici e dettagli, sia con riferimenti diretti a maglie indossate dai club in passato. Abbiamo chiesto a Pete Hoppins, Nike Football Apparel Senior Design Director, di raccontarci questo processo.

English version

Ⓤ Nel disegnare le terze maglie di Nike, avete deciso di ispirarvi all’estetica calcistica degli anni Novanta. Perché?

Lo stile sportivo e vintage è diventato sempre più influente nello streetwear, e questo ha indubbiamente avuto una parte importante in alcuni design delle maglie che abbiamo realizzato questa stagione. Penso che la fine degli anni Ottanta e l’inizio dei Novanta abbiano rappresentato un’età d’oro per il design delle maglie da calcio. Quei kit abbondavano di dettagli che conferivano loro così tanta personalità: tessuti jacquard, colletti vistosi, scolli stravaganti, ricchi ricami. Volevamo prendere quei dettagli così densi di significato ma interpretarli in un modo moderno, che non compromettesse le performance in campo.

Ⓤ Il mercato delle maglie retro e vintage sta diventando sempre più importante – quanto è stato decisivo questo trend?

Sì, sembra che quella jersey culture sia qui per restare a lungo. Nike è stata apripista nel campo del design delle divise sin da quando siamo entrati nel calcio. Nel corso del tempo abbiamo fissato dei trend e, inevitabilmente, l’innovazione di oggi è il retro di domani. Significa che abbiamo un archivio immenso da cui trarre ispirazione e penso che questo si manifesta con tutta evidenza nella collezione di questa stagione.

Ⓤ Quali sono gli elementi principali che arrivano dai design del passato?

In genere, Nike è un brand che guarda avanti: perciò, anche se quest’anno ci sono tocchi nostalgici, si tratta di elementi che definiscono una maglia ad alte prestazioni. Come è visibile all’interno della collezione, sono cose come motivi all’interno del tessuto, colletti appariscenti, dettagli di manica e, ovviamente, il ritorno del logo vintage Nike Futura. 

Ⓤ Nelle scorse stagioni, le terze maglie erano un’opportunità per rompere con la tradizione. Quest’anno, il concetto è piuttosto diverso – è stata una richiesta da parte dei club?

No, non proprio. Abbiamo sempre in mente un concetto globale per le nostre terze maglie e stavolta non è stato diverso nel modo in cui l’abbiamo pensato. Credo che fosse arrivato il momento giusto. Vogliamo sempre proporre ai tifosi qualcosa di nuovo, e le maglie retro per Nike lo sono. Qualche anno fa non avrebbe funzionato perché le maglie Nike non erano in circolazione da molto tempo. Ora che i tifosi cresciuti negli anni Novanta sono più grandi, quei riferimenti hanno maggior significato. 

Ⓤ Nel processo di design, avete lavorato fianco a fianco con i club?

Sì, lavoriamo direttamente con i club e ogni rapporto è completamente diverso – a differenza di quanto succede negli sport americani, dove si lavora con l’intera lega. Con alcuni club è davvero molto facile lavorare insieme: si affidano a noi per fare quello che pensiamo sia il design giusto, mentre altri sono più conservativi. Prima di tutto ci sono le nostre revisioni interne, poi, quando siamo soddisfatti, andiamo dai club che approvano o respingono i design. Nella maggior parte dei casi, avviene una via di mezzo, con minimi cambiamenti. Di tanto in tanto, il club ci chiederà una particolare storia o un anniversario che deve essere ricordato.

Ⓤ Parliamo dei club italiani, Roma e Inter. La maglia della Roma è strepitosa e ispirata a una indossata una sola volta nella storia. Perché questa scelta?

Sì, la divisa della Roma è bellissima e probabilmente quella con il look più retro delle nostre terze maglie di quest’anno. La Roma ha una palette di colori molto ristretta nel corso della sua storia, perciò era importante rispettarla e trovare un colore utilizzato tra fine anni Ottanta e inizio Novanta – e così abbiamo preso quella particolare maglia come riferimento. Ci piaceva questo concetto di “future heritage”: come sarebbero, oggi, le maglie del passato? È stato divertente pensarla in questo modo, soprattutto quando quelle maglie non erano state disegnate dal nostro team. Perciò ci siamo posti questa domanda: come sarebbe stata una maglia Nike in quegli anni e quali elementi avrebbe mantenuto nel 2019?

Ⓤ La maglia dell’Inter cattura l’attenzione ma, a differenza di altre divise, non ha un collegamento forte con il passato. Ricorda più il mondo dei motori. C’è una ragione particolare?

Assolutamente, hai ragione al cento per cento. Di sicuro, la maglia dell’Inter ha un aspetto più moderno rispetto alle altre maglie, anche se strizza l’occhio al passato con la presenza del tessuto jacquard. Nel corso del processo di realizzazione delle divise, i nostri designer si sono imbattuti in questo design nero con finiture gialle ispirato alle test car di Pirelli. L’Inter ha uno degli sponsor di maglia più riconoscibili e volevamo celebrarlo giocando con quella versione del logo che puoi vedere sull’auto. Questo dà alla maglia un forte stile streetwear che colpisce davvero nel segno.

Le maglie da calcio oggi hanno sempre più un valore lifestyle – pensi che queste maglie aderiscano a questo mood?

Sicuramente. Teniamo in considerazione l’aspetto delle nostre maglie quando indossate come un prodotto lifestyle così come in campo. Ma penso che la trasformazione delle maglie in capi fashion sia qualcosa che è diventato parte di un movimento più grande e ispirato al calcio, che combina elementi di calcio, moda, musica ed espressioni culturali.

Ⓤ Nei prossimi anni dovremmo aspettarci maglie simili?

Ah! Vi terremo sulle spine. Questa è la parte divertente del nostro lavoro.

{