Calcio Internazionale

Il regista premio Oscar Bong Joon-Ho vorrebbe andare a cena con Kevin De Bruyne

E con Scorsese, Hitchcock, Jimmy Page e una pattinatrice sudcoreana.

È stato un weekend indimenticabile per Bong Joon-Ho, 50enne regista sudcoreano. Alla notte degli Oscar, il suo lungometraggio Parasite ha portato a casa il premio per il miglior film assoluto – prima volta nella storia che un film non angolofono, con dialoghi, vince la statuetta più importante –, per il miglior film internazionale, per la miglior regia e per la miglior sceneggiatura originale. Un trionfo su tutta la linea, a pochi mesi dalla vittoria della Palma d'Oro al Festival di Cannes.

Nelle ultime ore, sono circolate molte notizie su Bong Joon-Ho, tanti ritratti con alcuni aneddoti sulla sua carriera, ma anche sulla sua vita extra-professionale. Il regista di Taegu – la quarta città più grande della Corea del Sud, 2,5 milioni di abitanti – ama molto la musica rock e lo sport, come si evince da un Ask Me Anything pubblicato su Reddit tre mesi fa. Un utente gli ha chiesto con quali personaggi gli piacerebbe andare a cena se fosse il suo ultimo pasto, e lui ha composto un tavolo misto: oltre a Alfred Hitchcock e Martin Scorsese, che evidentemente lo ispirano nella sua opera cinematografica, Bong Joon-Ho ha indicato anche Jimmy Page, il chitarrista e fondatore dei Led Zeppelin, la pattinatrice sudcoreana Kim Yu-na e Kevin De Bruyne, centrocampista del Manchester City. Nella risposta, Bong Joon-Ho ha aggiunto che mangerebbe tanta paella, o comunque piatti spagnoli in genere.

Parasite racconta la storia di una famiglia di Seul che cerca, attraverso una serie di inganni, di migliorare la propria condizione sociale. Il film ha incassato circa 165 milioni di dollari del mondo, di cui due in Italia. Sono cifre destinate a crescere, dato che il trionfo alla notte degli Oscar dovrebbe riportare l'opera nelle sale cinematografiche. Prima di Parasite, solo un altro film di produzione non angloamericana aveva vinto la statuetta per il miglior film. Si tratta di The Artist, lungometraggio muto prodotto in Francia e premiato nel 2012.

{

Per migliorare la tua esperienza utilizziamo cookie tecnici, statistici e di profilazione, anche di terze parti, per fornire un accesso sicuro al sito, analizzare il traffico sul nostro sito, valutare l’impatto delle campagne e fornire contenuti e annunci pubblicitari personalizzati in base ai tuoi interessi. Chiudendo il banner acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni. Cookie policy