Calcio Internazionale

Un’isola nel Canale della Manica potrebbe ospitare tutta la Premier League?

L'isola della Manica ha debellato il Coronavirus e potrebbe ospitare i calciatori in tutta sicurezza, almeno secondo il politico locale Gavin St Pier.

Guernsey è un'isola da 65mila abitanti, si trova nel canale della Manica, di fronte alle coste nordoccidentali della Francia. Dal punto di vista sociale e culturale, è divisa tra i due Paesi, ma politicamente è una dipendenza della Corona britannica, uno status che non prevede un controllo totale da parte di Londra, e che accomuna Guernsey con altri protettorati – per esempio Jersey e l'Isola di Man. A livello sportivo non è molto famosa: gli atleti locali non hanno una rappresentativa propria – se non per i giochi del Commonwealth – ma almeno si tratta del luogo di nascita di Matt Le Tissier, uno dei giocatori più amati nella storia del Southampton. Nelle ultime ore, però, è arrivata una proposta che potrebbe rianimare l'isola, almeno dal punto di vista calcistico: far terminare la Premier League sull'isola.

Gavin St Pier, deputato eletto e presidente del comitato per le politiche e le risorse della Dipendenza, ha spiegato come Guernsey abbia debellato il Coronavirus: «Abbiamo solo quattro persone attualmente positive al Covid, e non si sono registrati nuovi contagi negli ultimi diciotto giorni». Per questo, lo svolgimento delle partite sull'isola potrebbe avvenire in assoluta sicurezza, solo però dopo aver attuato e rispettato un rigido protocollo sanitario: «I calciatori vengono a Guernsey, si isolano per quattordici giorni e poi giocano tutte le partite che restano. I residenti potrebbero assistere alle partite nei nostri stadi, dato che il virus da noi è stato sradicato», ha detto St Pier.

Anche in Spagna era stata paventata l'ipotesi di riprendere le stagioni alle Isole Canarie, ma è rimasta una proposta senza seguito. St Pier, su Twitter, si è espresso con una certa convinzione: «Se qualcuno fosse seriamente interessato a questa proposta, sono sicuro che potremmo avere un dialogo sensato su come pianificare la cosa e giocare in tutta sicurezza». La Premier League ha intenzione di ritornare in campo a giugno, i giocatori hanno ricominciato ad allenarsi a piccoli gruppi e ora si attende l'autorizzazione per far ripartire gli allenamenti collettivi.

{

Per migliorare la tua esperienza utilizziamo cookie tecnici, statistici e di profilazione, anche di terze parti, per fornire un accesso sicuro al sito, analizzare il traffico sul nostro sito, valutare l’impatto delle campagne e fornire contenuti e annunci pubblicitari personalizzati in base ai tuoi interessi. Chiudendo il banner acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni. Cookie policy