Media

Il discorso di Gattuso dopo la vittoria del Napoli in Coppa Italia, analizzato

L'allenatore partenopeo ha parlato di professionalità e senso di appartenenza, e ha detto ai suoi giocatori di «voler vedere il veleno».

Una cerimonia di premiazione in tono inevitabilmente minore ha reso meno emozionante del solito il postpartita della finale di Coppa Italia tra Napoli e Juventus – vinta dagli azzurri ai rigori, per 4-2, dopo lo 0-0 dei 90' regolamentari. Nei minuti dopo la fine della gara, però, c'è stato tempo per un altro momento molto significativo: il discorso tenuto da Gattuso ai suoi giocatori. L'assenza di pubblico, quindi di un grosso rumore di fondo, ha permesso alle telecamere e ai microfoni della Rai di cogliere in maniera abbastanza chiara le parole dell'allenatore calabrese, arrivato a Napoli a dicembre, in sostituzione di Carlo Ancelotti. Quando ha detto sì alla proposta di De Laurentiis, Gattuso ha accettato una sfida difficile: l'esonero di Ancelotti si è determinato in seguito al deterioramento dei rapporti tra la società, l'organico e lo stesso allenatore, c'era la questione irrisolta delle multe dopo i fatti di Napoli-Salisburgo, inoltre molti giocatori sembravano destinati a lasciare il club, perché si sentivano già sul mercato o perché in scadenza di contratto – Callejón e Mertens su tutti.

Nel suo discorso, è come se Gattuso avesse ripercorso tutto periodo, tutte queste difficoltà. Come si vede – e si sente – nel video in apertura, il tecnico del Napoli ha parlato di professionalità, carattere, senso di appartenenza. Ha detto ai suoi giocatori che sono forti, che hanno dimostrato di esserlo nonostante tutte le problematiche; ha fatto riferimento a Callejón, che andrà via alla scadenza del suo contratto, teoricamente tra pochi giorni oppure alla fine della stagione, ed era in lacrime dopo la vittoria finale; ha invitato tutti a «mostrare il veleno», perché «ora non abbiamo più pressioni, non abbiamo più tensioni e giocheremo tutti». Alcune parole di Gattuso non sono perfettamente comprensibili, ma il senso è chiarissimo. Ed è importante il fatto che il suo discorso sia arrivato alla presenza dal presidente De Laurentiis, che alla fine ha preso la parola e ha spronato la squadra a cercare di raggiungere la Champions League. Non sarà un'impresa facile, infatti il Napoli paga un distacco di nove punti dal quarto posto occupato dall'Atalanta, che ha anche una partita da giocare in più rispetto agli azzurri. In ultimo, ma solo a livello temporale, va sottolineata la forza emotiva del discorso di Gattuso rispetto al momento personale particolarmente difficile vissuto dall'ex allenatore del Milan, che pochi giorni fa ha perso la sorella Francesca, 37enne, dopo una lunga malattia. Quello vinto ieri sera è il primo trofeo da tecnico per Gattuso, che nel 2018 aveva perso – proprio contro la Juventus – la finale di Coppa Italia.

{

Per migliorare la tua esperienza utilizziamo cookie tecnici, statistici e di profilazione, anche di terze parti, per fornire un accesso sicuro al sito, analizzare il traffico sul nostro sito, valutare l’impatto delle campagne e fornire contenuti e annunci pubblicitari personalizzati in base ai tuoi interessi. Chiudendo il banner acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni. Cookie policy