Iscriviti alla newsletter: scopri tutte le storie di Undici!



Condividi su Facebook Condividi su Twitter Invia una e-mail

Ci sono molte polemiche per l’hijab di Nike

Di Redazione Undici

Nelle scorse settimane Nike ha presentato il primo hijab progettato per le atlete musulmane. Con un design in poliestere traspirante, il capo è stato sviluppato con l’aiuto di atlete come Amna Al Haddad, pesista, e Zahra Lari, pattinatrice, entrambe provenienti dagli Emirati Arabi Uniti. È i primo prodotto del suo tipo: prima, nessun grande brand sportivo aveva dedicato un accessorio alle atlete che intendevano gareggiare a capo coperto. La scelta di Nike è stata però criticata da alcuni, in particolare sui social, con l’azienda statunitense accusata di monetizzare sulla «oppressione delle donne»:

A difendere Nike, tuttavia, è arrivato l’intervento di Amna Al Haddad, un’atleta degli Emirati Arabi che ha collaborato con Nike per lo sviluppo del prodotto: «Mi sono resa conto che ci sono state un sacco di reazioni diverse riguardo al perché Nike abbia deciso di produrre un prodotto del genere, ora. È un fenomeno recente, una necessità che molte donne hanno mostrato di avere, e ci sono molte atlete professioniste che stanno combattendo per il diritto di competere con l’hijab, e avere lo stesso trattamento nelle competizioni. Abbiamo fatto in modo di non poter essere più ignorate, catalizzando l’attenzione».

La parte più potente del messaggio di Al Haddad sta nel considerare la scelta di Nike come una potenziale fonte di partecipazione sportiva e indipendenza delle donne musulmane. Ha scritto su Instagram un lungo post in cui afferma che l’hijab sportivo «di certo incoraggerà una nuova generazione di atlete a intraprendere lo sport in maniera professionale».

With the Nike Pro Hijab Launch, I do realize there is a lot of mixed reactions as to why Nike decided to create such a product “now.” __ From my perspective as a former athlete who competed in Hijab, in the past, the big brands didn’t see the need or market for it as it was not “popular” and it was unheard of to see women train, exercise and compete in hijab. __ It is a recent phenomenon where more women have expressed a need for it and more professional athletes have fought for rights to compete with a headscarf, and have an equal playing field. We made it big in the news, we couldn’t be ignored. __ As Muslim women, we have been vocal in the media about it – personally since 2011 – the big guys can’t help but notice us “the underdogs” and our impact in the sports industry and world. They know that we are here to stay and decided to join the party and create another “competitive” sport hijab in the market, which by the way, did exist in the market for few years now. __ As an innovative company, they will create products and they will meet market needs – whatever they may be. It is not dismissing any other hard work done in the past to develop sports hijabs, it’s just there is more competition in the market for modest clothing now. __ I support Muslim women with or without hijab, and how they dress is their choice. And with the Nike Sports Hijab, it surely will encourage a new generation of athletes to pursue sports professionally, and without us athletes who fought for this right and made it happen, Nike wouldn’t “just do it.” __ Ps. This is purely my opinion on the matter, not paid for or asked to be written. Much Love, -Amna

Un post condiviso da آمنة الحداد Amna Al Haddad 🇦🇪 (@amna.s.alhaddad) in data: