Calcio Internazionale

La rivelazione di Houssem Aouar

Rudi Garcia ha costruito il Lione intorno a lui, che si sta rivelando uno dei centrocampisti più fantasiosi e completi della nuova generazione.

Il 10 dicembre 2017, allo Stade de La Licorne di Amiens, il Lione è sotto 1-0 contro i padroni di casa; siamo a dieci minuti dalla fine di una partita che, dal punto di vista tattico, si stava rivelando molto complicata per l'OL. Quando Houssem Aouar riceve un passaggio di Tanguy Ndombele sulla trequarti sinistra, l’Amiens è riuscito per l’ennesima volta a creare densità nell’ultimo terzo di campo: in venti metri ci sono 11 giocatori, di cui solo quattro in maglia bianca. Dopo aver controllato il pallone, Aouar sfrutta il movimento di Ndombele a portare via l’uomo che potrebbe portare il raddoppio, si accentra e premia la corsa del compagno con un filtrante che taglia fuori tre giocatori dell’Amiens: Ndombele, a quel punto, va a memoria e crossa basso e arretrato sapendo che Aouar sarà lì pronto ad aggredire lo spazio senza palla. Circostanza che si verifica puntuale quasi come l’inserimento dal lato debole dopo 70 metri di corsa a chiudere il contropiede rifinito da Mariano Díaz che regala i tre punti all’OL al 90’: Aouar non ha ancora compiuto vent’anni e il suo allenatore, dopo la partita, dice: «La cosa che mi ha colpito di più è stata la sua reazione nella seconda parte di gara, la sua capacità di gestire le sue emozioni. Questa è una delle qualità dei grandi giocatori».

Il 21enne Aouar appartiene a quel gruppo di giocatori, cresciuti nel florido vivaio dell'OL, che si affermano giovanissimi in prima squadra e sembrano destinati, o meglio predestinati, a una grande carriera. Soprannominato “La Pépite”, segna il suo primo gol – il sesto dei sette che il Lione rifila all’AZ Alkmaar il 23 febbraio 2017, nel ritorno dei sedicesimi di Europa League – alla seconda gara ufficiale; diventa titolare fisso alla sua seconda stagione da professionista (44 presenze, sette reti e sei assist nel 2017/2018); e soprattutto si vede costretto a sopportare fin da subito paragoni scomodi con Iniesta e Juninho, non solo per la pesantissima maglia numero 8 vestita proprio all’inizio di quell’annata.

Tuttavia, provare a descrivere Aouar unicamente attraverso il filtro del confronto con i centrocampisti di riferimento delle generazioni precedenti sarebbe un errore: parliamo di un giocatore ugualmente elegante e cerebrale, ma che deve ancora imparare a sfruttare al meglio tutte le sue potenzialità, lontano dal raggiungimento dei picchi tecnici, fisici e psicologici necessari per interpretare ad altissimo livello quel ruolo di “universale” che gli è stato cucito addosso fin da quando, a undici anni, è entrato a far parte della scuola calcio dell’OL.

Da questo punto di vista il suo percorso evolutivo è stato scandito da una multidimensionalità rara tra i pari età, accentuata dalla lungimiranza del suo primo allenatore, Bruno Génésio, quando si è trattato di inserirlo in pianta stabile nelle rotazioni senza che patisse il salto di categoria. Coerentemente con quello che era stato il leitmotiv della sua trafila nelle giovanili, infatti, il tecnico ha inizialmente impiegato Aouar come centrocampista offensivo con compiti di rifinitura e finalizzazione, sfruttandolo come esterno sinistro atipico nel 4-3-3 per massimizzare le sue abilità nell’uno contro uno (quasi il 70% di dribbling riusciti sui 4,7 tentati di media) e la classe delle giocate nell’ultimo terzo di campo.

La qualità delle letture con e senza palla, la naturale associatività e la capacità di creare connessioni grazie alla sua eccellente tecnica di base, però, convincono l’allenatore a dargli maggiori responsabilità anche in fase di costruzione, aumentandone influenza e raggio d’azione: alla fine dell'annata 2017/,2018 Aouar è già diventato un centrocampista completo – 1,3 passaggi chiave ogni 90’, 85% di precisione negli appoggi su quasi 48 palloni giocati di media – ed è in grado di controllare e plasmare i ritmi della partita a proprio gusto. E la rapidità con cui tutto questo è avvenuto è solo la diretta conseguenza di un talento sviluppato assecondandone le inclinazioni: «È uno di quei giocatori che si impongono naturalmente senza far rumore. In Houssem c’è un po’ di tutto, è un cocktail delle migliori qualità dei grandi giocatori che l’hanno preceduto» dirà qualche tempo dopo a France Football il suo ex allenatore nell’Under-17, Armand Garrido.

Le caratteristiche fisiche e le qualità di Aouar si esprimono e sono utilissime in tutte le zone di campo, in tantissime situazioni differenti

La stagione successiva è quella della consacrazione definitiva, in cui Aouar si dimostra per distacco il centrocampista francese più completo della Ligue 1. La posizione ideale è quella di mezzala sinistra di un centrocampo a tre, ma è in grado di riciclarsi con successo sia come centrale basso del triangolo che come mediano di un centrocampo a due con il compito di trovare i riferimenti avanzati tra le linee a inizio azione. Aouar, tuttavia, è un giocatore ancora molto istintivo, esprime la propria creatività attraverso i due fondamentali che caratterizzano la nuova generazione dei centrocampisti offensivi trasformati in mezzali di costruzione: il dribbling nello stretto, usato per spezzare il raddoppio e uscire dalle situazioni più complicate, e la conduzione palla al piede in campo aperto in condizioni di parità o superiorità numerica.

Difensivamente, invece, preferisce concentrarsi sulle linee di passaggio da “sporcare” piuttosto che su un’interpretazione più fisica e muscolare: i tre cartellini gialli rimediati nelle prime due stagioni e il numero relativamente basso di contrasti effettuati a partita (1,5) raccontano di un giocatore più a suo agio quando si tratta di difendere accorciando in avanti, sfruttando le sue capacità di lettura nell’anticipare le intenzioni dell'avversario.

Nell'assist servito per questo gol di Depay c'è l'essenza del gioco di Aouar

È però con l’arrivo di Rudi Garcia, all’inizio di questa stagione, che il progetto di “all around player” prende concretamente forma. Come già accaduto a Marsiglia con Payet, l’ex allenatore della Roma decide di mettere il miglior giocatore della rosa al centro del suo progetto tattico: Aouar diventa il leader tecnico ed emotivo della squadra, gode di ampia libertà nella ricerca della posizione migliore in campo e risulta molto più coinvolto in fase di prima costruzione. In coppia con uno tra Tousart e Thiago Mendes in una mediana a due, o trequartista “spurio” nel tridente alle spalle dell’unica punta, l'Aouar che abbiamo visto fino all'inizio del lockdown è un giocatore che agisce prevalentemente lungo la fascia centrale del campo e che canalizza i flussi di gioco dell’OL. Dai suoi piedi passano praticamente tutte le azioni di quella che ormai è diventata la sua squadra: «L’allenatore mi ha dato grande libertà di movimento in campo: giocare sulla sinistra mi permette di fare la differenza dal punto di vista individuale ma sto imparando che posso influire di più sulle partite quando gioco in mezzo» ha detto a dicembre in un’intervista.

Ancora una volta, i numeri sono indicativi fino a un certo punto: nell’annata in cui ha già battuto il record personale di gol (nove) con una decina di presenze in meno, Aouar tocca praticamente lo stesso numero di palloni e genera lo stesso numero di occasioni del 2018/2019. La differenza sta nel suo trovarsi sempre nella zona in cui si trova il pallone, nella capacità di influenzare le partite muovendosi nel cuore del gioco offensivo. E se in Ligue 1 tutto questo si è tradotto in una sorta di “ordinaria amministrazione”, in giocate più scolastiche e meno brillanti dal punto di vista estetico, è in Champions League che si è percepito chiaramente quale sia il peso specifico del numero 8 nel sistema di Garcia. Al di là della splendida rete contro il Lipsia – la prima nella competizione, per di più decisiva per il passaggio del turno – e dei tre assist serviti in cinque partite, Aouar ha dimostrato come e quanto il livello delle sue prestazioni sia determinante per quelle della sua squadra.

Nell’andata degli ottavi contro la Juventus, abbiamo per distacco la sua miglior partita stagionale in relazione alla forza dell'avversario. Aouar ha dominato sui due lati del campo: con il Lione in possesso palla, ha imposto alla partita il ritmo che gli era più congeniale, favorendo la risalita del campo con scambi stretti e rapidi, premiando l’inserimento senza palla dei compagni negli spazi alle spalle delle due linee di pressione, grazie a tocchi filtranti imprevedibili e strappi palla al piede che hanno costretto i difensori di Sarri a scappare all’indietro, vanificando così ogni tentativo di riaggressione alta. In fase difensiva, invece, Aouar è stato il perno del 3-5-2 con cui Garcia ha imbrigliato Sarri, gravitando sul centro sinistra per sporcare l’uscita del pallone sull’asse de Ligt-Danilo e alternandosi con Tousart e Bruno Guimarães nella schermatura di Pjanic ogni qualvolta si abbassava tra i due centrali per ricevere palla. L’assist per il gol di Tousart finisce, perciò, quasi in secondo piano, pur essendo la giocata che racconta perfettamente come Aouar sia in grado di creare occasioni da rete quasi dal niente, anche in situazioni banali e di facile lettura: in questo caso gli basta uno scambio con Cornet dopo una rimessa laterale per mettersi nelle condizioni di saltare Bentancur e offrire al compagno la possibilità di battere a rete nell’area piccola.

La rete di Tousart contro la Juventus, frutto di una grande giocata di Aouar

Alla lunga, però, questo tipo di universalità rischia di diventare controproducente. Oggi Aouar è un giocatore che, nel suo saper e dover far tutto in un contesto di squadra plasmato intorno a lui, rischia di vedere sottostimata la sua capacità di incidere in avanti. Rispetto alle passate stagioni, infatti, viene spesso sottolineato come crei ancora troppo poco (per sé e per gli altri) per i mezzi tecnici a disposizione, e come sia ancora piuttosto restio a provare il tiro da fuori fronte porta, privilegiando la ricerca di giocate più complesse anche in zone e situazioni che richiederebbero maggiore praticità.

In ogni caso la sensazione è che per provare a intuire quale curva prenderà la sua carriera sarà necessario vederlo all’opera in un sistema in cui possa “specializzarsi” senza doverne diventare per forza l’elemento di trama e ordito. E questo potrà avvenire solamente nel momento in cui lascerà la comfort zone di Lione.

{

Per migliorare la tua esperienza utilizziamo cookie tecnici, statistici e di profilazione, anche di terze parti, per fornire un accesso sicuro al sito, analizzare il traffico sul nostro sito, valutare l’impatto delle campagne e fornire contenuti e annunci pubblicitari personalizzati in base ai tuoi interessi. Chiudendo il banner acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni. Cookie policy