Lifestyle

Com'è la nuova maglia away della Nazionale italiana

Bianca, come da tradizione, ma con inserti in linea con il concetto Rinascimento.

Dopo la presentazione della maglia “Rinascimento” (qui parlavamo del perché è una grande novità, contemporanea e ben riuscita), la versione verde del kit della Nazionale, lo scorso 8 ottobre, Puma, che dal 2003 è fornitore tecnico degli Azzurri, ha annunciato la nuova seconda maglia, quella tradizionalmente bianca.

Nessuna novità sul fronte colore: il bianco è il colore predominante, come da tradizione, con inserti blu – un blu più scuro dell'azzurro della prima maglia – nella zona del collo, e poco altro. Ma la novità, che richiama proprio la maglia Rinascimento indossata contro la Grecia nella vittoria per 2-0, è nella trama: l'ispirazione del design tono su tono, infatti, è ancora rinascimentale, e vuole dare un look elegante e tipicamente italiano, facendo risaltare la cultura e lo stile del Paese nella maglia da gara.

La divisa verrà debutterà nelle ultime due partite di qualificazione a Euro 2020, già ampiamente ottenuta: contro la Bosnia Erzegovina il 15 novembre, e successivamente contro l'Armenia, il 18 novembre.

Fino a qui il girone di qualificazione dell'Italia è stato da record: gli Azzurri sono primi con 24 punti, ovvero 8 vittorie in tutte le 8 partite disputate. E anche il rapporto tra i gol fatti e quelli subiti è ottimi: 25 le reti messe a segno, soltanto 3 quelle subite. Il miglior marcatore dell'Italia è stato Andrea Belotti, che ha segnato 3 volte in 6 partite disputate.

 


{

Per migliorare la tua esperienza utilizziamo cookie tecnici, statistici e di profilazione, anche di terze parti, per fornire un accesso sicuro al sito, analizzare il traffico sul nostro sito, valutare l’impatto delle campagne e fornire contenuti e annunci pubblicitari personalizzati in base ai tuoi interessi. Chiudendo il banner acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni. Cookie policy