Iscriviti alla newsletter: scopri tutte le storie di Undici!

Stanno per cominciare gli Europei femminili

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Invia una e-mail

L'Italia è inserita in un girone complicato, con Germania e Svezia, ma non parte affatto battuta: obiettivo raggiungere i quarti, come quattro anni fa.


Quasi un mese di ritiro a Coverciano. Allenarsi non basta più: le ragazze vogliono partire, mettersi alla prova: «Vogliamo scendere in campo», ripetono in coro. Il momento è adesso: tra pochi giorni, il 16 luglio, comincia l’Europeo femminile, e l’Italia partirà sabato per l’Olanda. La gara di debutto sarà lunedì contro la Russia, la formazione meno temibile di un girone davvero complicato: ci sono anche Germania e Svezia, cioè prima e terza classificata dell’ultima edizione dell’Europeo. E visto che ai quarti passano le prime due di ogni girone, per l’Italia il compito non è certo semplice. Ma non impossibile: «Arrivare ai quarti è il nostro obiettivo minimo. Poi, se battiamo la Russia, con il morale alto sarà più facile affrontare le partite successive», dice Federica Di Criscio, difensore appena passata al Brescia.

Contro la Russia, allo Sparta Stadium di Rotterdam, il calcio di inizio sarà alle 18. Secondo impegno contro la Germania, venerdì 21 luglio, alle 20.45. Stesso orario per l’ultima partita del girone, contro la Svezia, in programma il 25 luglio. Le gare saranno in diretta su Eurosport e su Nuvola 61, canale 61 del digitale terrestre. La finale del torneo sarà il 6 agosto, ma non è il caso di guardare così lontano: «Già aver raggiunto la fase finale della massima competizione continentale è un grande traguardo — ha detto il ct Antonio Cabrini — ma dobbiamo affrontare le altre Nazionali senza alcun timore reverenziale. Partire bene nella gara d’esordio sarebbe veramente importante».

Allenamento_Naz_femm-2896

Per l’Italia, incontrare Germania e Svezia sarà un’occasione di riscatto: agli Europei di quattro anni fa, le azzurre persero contro entrambe. Se il ko contro le scandinave permise comunque il passaggio del turno, la vittoria delle tedesche per 1-0 ai quarti di finale mise fine al cammino nel torneo. «Ci aspetta un girone molto difficile — ha detto la capitana azzurra Melania Gabbiadini — tutti conoscono la forza di Germania e Svezia: sappiamo che sarà fondamentale iniziare con il piede giusto e cercheremo di conquistare i tre punti con la Russia». Melania Gabbiadini è la giocatrice, tra quelle che parteciperanno all’Europeo, con più presenze e reti in Nazionale: sono 49 le marcature in 120 apparizioni. Tra le altre veterane, Marta Carissimi, centrocampista, Sara Gama, difensore, Daniela Sabatino, attaccante, Alia Guagni, esterno.

Ma l’Europeo sarà anche un bel banco di prova per le debuttanti, come dice Gabbiadini, che avverte di ricoprire anche un ruolo di leader all’interno del gruppo: «Questo Europeo è per me un po’ particolare, potrebbe essere l’ultimo e mi piacerebbe chiudere in bellezza. Ho avuto un piccolo problema fisico all’inizio del raduno, non sono ancora al 100% dal punto di vista fisico, ma darò tutto quello che ho. Mi fa piacere essere una guida per le più giovani e posso dire che questa Italia è cresciuta molto, ci sono tante ragazze con qualità immense che devono solo sbocciare fino in fondo».

Allenamento_Naz_femm-3109

Il numero di squadre partecipanti all’Europeo è stato aumentato da 12 a 16: perciò ai quarti non accedono anche le migliori terze classificate della fase a gironi come accadeva nel 2013, ma soltanto le prime due. Oltre al girone delle azzurre, il B, gli altri gruppi sono così composti: Paesi Bassi, Norvegia, Danimarca e Belgio nel gruppo A; Francia, Austria, Islanda e Svizzera in quello C; Inghilterra, Scozia, Spagna e Portogallo nel gruppo D.

Le giocatrici italiane convocate:

Portieri: 1 Laura Giuliani (Colonia), 12 Chiara Marchitelli (Brescia), 22 Katja Schroffenegger (Unterland Damen);
Difensori: 13 Elisa Bartoli (Fiorentina), 3 Sara Gama (Brescia), 17 Federica Di Criscio (Verona), 5 Elena Linari (Fiorentina), 2 Cecilia Salvai (Brescia), 14 Linda Tucceri Cimini (S. Zaccaria);
Centrocampisti: 11 Barbara Bonansea (Brescia), 21 Marta Carissimi (Fiorentina), 20 Valentina Cernoia (Brescia), 15 Laura Fusetti (Como 2000), 19 Aurora Galli (Verona), 16 Manuela Giugliano (Verona), 7 Alia Guagni (Fiorentina), 6 Sandy Iannella (Cuneo), 10 Martina Rosucci (Brescia), 4 Daniela Stracchi (Mozzanica);
Attaccanti: 8 Melania Gabbiadini (Verona), 23 Cristiana Girelli (Brescia), 9 Ilaria Mauro (Fiorentina), 18 Daniela Sabatino (Brescia).

 

 

Immagini: courtesy of Figc